Svernare

“This is the easy time, there is nothing doing.I have whirled the midwife’s extractor,I have my honey,Six jars of it,Six cat’s eyes in the wine cellar,Wintering in a dark without windowAt the heart of the houseNext to the last tenant’s rancid jamand the bottles of empty glitters —Sir So-and-so’s gin.This is the room I have never been inThis is the room I could never breathe … Continua a leggere Svernare

La bontà della Tigre

Chi ti dicebontàdella mia montagna? –così biancasui boschi già biondid’autunno – e qui nebbie leggere alitanoin cui sospesaè la luce dei ragnateli –della rugiadasulle foglie morte – mentre il terriccio accogliepetali stanchi di ciclaminie crochi, velatidi uno stesso palloreroseo – tu sana, venata di sole,porti sul gremboil cielo tutto azzurro –chiami voli d’uccellialle tue manicolme di vento – Bontàa cui beve il suo cantoil cuoree … Continua a leggere La bontà della Tigre

Ricordarsi di

C’è un tempo buono, nascosto tra le linee della pelle che più somigliano agli alberi. Sollevo una zolla di terra e osservo la zolla e il dorso della mia mano. Somiglianza. Non sono una cosa brutta, una cosa da buttar via eppure in questi giorni, faccio fatica a riconoscermi. A riconoscere me nell’aggregato di essere umani a cui appartengo. Posso certo sfuggire e cercare riparo … Continua a leggere Ricordarsi di

Canzone rotta per compleanni improbabili

Celebrating my birthday 10 novembre 2020 trentanovesimo anno spazio, molto spazio fare spazio roba antica, roba nuova primo rituale della giornata respirare secondo rituale della giornata ringraziare 10 novembre 2020 ricordati di sanificare le feste terzo rituale della giornata bruciare alloro, cannella e rosmarino preparare la terra per l’inverno quarto tentativo di orto le voci dei bambini come grandi incattiviti com’è successo? voglio annusare la … Continua a leggere Canzone rotta per compleanni improbabili