Questo non è un teatro

Sono giorni molto complessi o molto facili, dipende da quanto la mente riesce a districarsi tra gli umori e i grovigli di questo ciclo vitale che stiamo vivendo. Ogni periodo storico ha in sé le caratteristiche del passato che lo nutre, del presente che lo sostanzia e del futuro che lo proietta. Anche questo 2020 (prossimo 2021) evidentemente, nel momento in cui ci chiediamo “come … Continua a leggere Questo non è un teatro

Ricordarsi di

C’è un tempo buono, nascosto tra le linee della pelle che più somigliano agli alberi. Sollevo una zolla di terra e osservo la zolla e il dorso della mia mano. Somiglianza. Non sono una cosa brutta, una cosa da buttar via eppure in questi giorni, faccio fatica a riconoscermi. A riconoscere me nell’aggregato di essere umani a cui appartengo. Posso certo sfuggire e cercare riparo … Continua a leggere Ricordarsi di

Canzone rotta per compleanni improbabili

Celebrating my birthday 10 novembre 2020 trentanovesimo anno spazio, molto spazio fare spazio roba antica, roba nuova primo rituale della giornata respirare secondo rituale della giornata ringraziare 10 novembre 2020 ricordati di sanificare le feste terzo rituale della giornata bruciare alloro, cannella e rosmarino preparare la terra per l’inverno quarto tentativo di orto le voci dei bambini come grandi incattiviti com’è successo? voglio annusare la … Continua a leggere Canzone rotta per compleanni improbabili

Il tordo

Un tordo vive in ozionell’orto di mio zio:appena fa uno zirlomio zio corre a zittirlo. Toti Scialoja Ecco. Uno dei miei desideri è che tu possa portarmi un giorno nel silenzio della natura, ad ascoltare le voci nascoste che il mio orecchio ancora non sa riconoscere. La voce della quercia, la voce del biacco o della lucertola, le voci delle api e della pietra. Quando … Continua a leggere Il tordo