“Undici Pianeti” di Mahmud Darwish

Se dovessimo planare sull’orizzonte senza confini della poesia mondiale, scopriremmo che sarebbe davvero difficile definire quanti scrittori e quante scrittrici abitano l’universo letterario umano contemporaneo. Tanta scrittura di cui continuiamo a conoscere ben poco. Non solo conosciamo poco la cultura poetica del nostro stesso paese ma diventa ancora più ostico pensare a nomi che appartengono a culture altre, magari non europee. La traduzione, in questo … Continua a leggere “Undici Pianeti” di Mahmud Darwish

Zehra Doğan_continuare a dipingere

  Voglio parlavi di una donna, una giornalista curda con cittadinanza turca, attivista e direttrice del giornale femminista Jin News Agency, “Jinha”, con un corpo redazionale tutto al femminile e purtroppo chiuso dalle autorità turche nel 2016. La giornalista è stata rilasciata dalle prigioni turche, il 24 febbraio 2019, dopo quasi tre anni di detenzione. Quale l’accusa? Aver dipinto e pubblicato sui social un acquerello … Continua a leggere Zehra Doğan_continuare a dipingere

Una poesia e una memoria da Kobane

E’ bene restare vigili e in allerta, in questi tempi bui dell’umanità. Farlo con dedizione, cercando di attraversare ciò che ci reca dolore, nel migliore dei modi, guardandolo bene in faccia, in modo tale che non ci sia nessuna fuga, nessun rimosso, nessun pericolo che si possa dimenticare. Nell’articolo scritto per ISHA, ho scritto di “Ni Una Menos” e delle donne del Rojava incentrando l’articolo … Continua a leggere Una poesia e una memoria da Kobane

Saharawi_voci del deserto

“sento un amore infinito per questa terra,  il Sahara” Larbi Lehbib Mohamed, artista Saharawi “Stato in esilio”: quando un intero popolo è esiliato dalla propria terra. Questo succede al popolo Saharawi, confinato nel deserto algerino da 40 anni. Difatti il Sahara occidentale è stato colonia spagnola prima e territorio strenuamente desiderato e occupato dal Marocco dopo. Lunga lista di desaparecidos alle spalle, tra cui emergono … Continua a leggere Saharawi_voci del deserto

“La crudeltà ci colse di sopresa” di Choman Hardi, poetessa curda

“Seduti intorno a un vecchio tavolo tracciarono linee sulla carta geografica e divisero quello che avrei chiamato il mio paese” “Losanna, 1923” di Choman Hardi Sulaimaniya. Attraversando il Kurdistan iracheno siamo passati attraverso pozzi di petrolio. Si vedevano, distanti, dalla strada che percorrevamo, lingue di fuoco in un paesaggio desertico. E poi caldo e poi l’aprirsi degli occhi e poi il ricordo si dissolve all’interno … Continua a leggere “La crudeltà ci colse di sopresa” di Choman Hardi, poetessa curda