Aprile

sono sull’orlo del collasso
aprile, il mese più crudele
balla sulle nostre tombe
sulle macerie in fumo
sulle nostre violenze
su pezzi di carne umana sventrata
e fa nascere germogli

tuberi e piccoli splendenti fiori
dai rami spuntano le gemme
io le ho viste Maria
sui rami d’argento del fico
sui rami del gelso
sui rami dell’albicocco Maria
come piccole dita che dicono
siamo qui

le piccole gemme gonfie di vita
portano tronco foglia e radice
come unghie morbide grattano il cielo
di un azzurro Maria, che piangono gli occhi

mangiamola intera la vita
dopo i germogli nasceranno i frutti
le nostre bocche aperte
a ciò che maturo precipita

Maria, sono sull’orlo del collasso
e la meridiana che passa dal cuore
brucia, senza sosta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...