A morsi la carne del cuore_primo quadro

I
appare momentanea questa calma sete
chiama come se dovesse un giorno finire
portarla sempre, un innesto che dura
quanto dura la vita

è forse il sale che affiora alle labbra
che conduce la sete al suo divenire
corpuscolo in dote ai nervi del corpo
legati all’occhio che guarda

a lungo scavarono in tanti
dove non oso più dire
dove l’acqua col sangue concorda
alla vita, la vita o il morire

II
mia vita non più mia
tutta mi porti in disavanzo
resto del corpo da bocche stravolto
resto delle notti squadernate da amori
questo plurale che il cuore assale
e le ferite e le candide mani
e i vostri volti le smorfie
per non guardare
dove s’infittiscono i segni
dove segni non sanno dove portare
mani che disegnano bordi
che stringono umori
che serrano labbra
inverdisco nei tuoi occhi
altro diviene in lento sfiorare
in questo nostro sdilinquire
un guizzo di lingua
richiama sangue nel cuore
le albe non sono sempre clementi
per chi offre carne all’amore

III

gettata sugli spasimi di un ultimo amante
con vela che solca e taglia sull’acqua
in onda il riflusso di questo spezzarsi
oh corpo che rimani quando la mente s’affranca

parole sussurrate da labbro a labbro
come fantasmi si apprestano in venire di forme
similmente a scalpello tu esegui, scolpisci
dissangui e inverdisci menzogne

se per atto e piega d’amore
furono dilavati i corpi disfatti
ecco, prendila a morsi la carne
la carne del cuore

Annunci

3 pensieri su “A morsi la carne del cuore_primo quadro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...